START-UP INNOVATIVE - Nuovi Pareri dal Ministero dello Sviluppo Economico

04-09-2014 16:39:09

Il Ministero dello Sviluppo Economico è intervenuto sull’argomento delle Start-Up innovative con cinque nuovi Pareri in risposta a richieste di chiarimenti da parte di altrettante Camere di Commercio.

1) Con il Parere del 12 agosto 2014, Prot. 145186, il Ministero ha risposto al quesito in merito a società costituite, ma inattive, alla data del 19 dicembre 2012 (data di entrata in vigore della L. n. 221/2012, di conversione del D.L. n. 179/2012).

2) Con il Parere del 22 agosto 2014, Prot. 147530, il Ministero ha risposto al quesito in materia di sanzioni applicabili alle società Start-Up, in dipendenza del mancato aggiornamento delle informazioni (da comunicare ogni semestre) previste dal comma 14 dell’art. 25 del D.L. n. 179/2012.

3) Con il Parere del 22 agosto 2014, Prot. 0147532, il Ministero ha risposto al quesito in merito alla iscrizione di una Start-Up innovativa nella sezione speciale, che intende avvalersi del requisito inerenti i brevetti (si tratta in particolare di un brevetto depositato ma del quale non ha ancora ottenuto la registrazione).

4) Con il Parere del 22 agosto 2014, Prot, n. 147534, il Ministero ha risposto al quesito in merito alla iscrivibilità di una società operante nell’ambito dell’innovazione tecnologica costituita a seguito di “conferimento” di un’azienda individuale in una nuova SRL.

5) Con il Parere del 22 agosto 2014, Prot. n. 147538, il Ministero ha risposto al quesito in merito alla iscrivibilità di una Start-Up innovativa che intende avvalersi del requisito soggettivo previsto dall’art. 25, comma 2, lett. h), n. 2 “impiego come dipendenti o collaboratori a qualsiasi titolo”. 

Per maggiori approfondimenti cliccare qui.


 

GALLERY