Contratti di sviluppo da 900 milioni di euro. Il piano di Governo e Invitalia per investimenti in Campania e Calabria

28-07-2017 15:52:11
 
E' stato firmato, nella giornata del 26 luglio, il patto di sviluppo per Campania e Calabria dal Ministro Calenda, alla presenza dell’AD Invitalia Domenico Arcuri, il presidente della regione Calabria Mario Oliverio e l’assessore campano Amedeo Lepore.
Il patto è soltanto uno dei progetti volti a favorire gli investimenti nel Mezzogiorno: non soltanto il piano Industria 4.0, di cui il Ministro Calenda è fiero sostenitore, ma anche il nuovo Decreto Sud che introduce importanti agevolazioni per i giovani residenti nelle regioni meridionali.
 
Per Calabria e Campania sono stati messi a disposizione poco meno di 900 milioni di euro per un totale di 22 nuovi contratti di sviluppo di multinazionali e medie imprese nei settori delle automotive, turismo, agroalimentare, autotrasporto, cantieristica, legno e carta, agroindustria, Ict.
 
Dei 900 milioni di euro complessivi stanziati con il patto di sviluppo una quota verrà stanziata dallo Stato mentre la restante parte sarà di fonte regionale. 
I contratti di sviluppo, specialmente se si considerano i progetti presentati in Calabria, si concentrano su settori economici fondamentali per il Sud Italia, turismo e agroalimentare.
 
 
In tutto il 2016 sono stati approvati 23 contratti di sviluppo; un trend in crescita se si considera che fino al primo semestre del 2017 ne sono stati approvati già 16, pari a 469 milioni di investimenti e 230 milioni di agevolazioni.
 
 
Per il 2017 Invitalia vuole concludere un totale di 60 contratti di sviluppo, questo è quanto affermato dal Ministro Calenda durante l’incontro con i rappresentanti di Campania e Calabria: l’obiettivo è la promozione non soltanto dell’occupazione ma anche degli investimenti per l’innovazione industriale dell’Italia.


 
GALLERY